MISSIONE

L’Associazione è costituita quale Gruppo di Azione Locale (G.A.L.), così come previsto dall’Asse IV – del Programma di Sviluppo Rurale del Lazio 2007/2013 con lo scopo prioritario di dare attuazione al Piano di Sviluppo Locale (PSL) approvato dalla Regione Lazio.
L’Associazione riveste il ruolo di soggetto responsabile dell’attuazione del PSL nonché delle misure, azioni ed interventi in esso inseriti.
L’Associazione, nell’attuazione del Piano di Sviluppo Locale, non ha fini di lucro, e realizza le proprie finalità in ambito regionale e durerà almeno fino alla completa attuazione del Piano di Sviluppo Locale.
L’Associazione, nell’attuazione del Piano di Sviluppo Locale, opera esclusivamente nell’ambito dei Comuni il cui territorio è incluso nell’area di intervento del PSL stesso ed in conformità a quanto previsto:

  • dal Programma di Sviluppo Rurale del Lazio 2007/2013;
  • dalla normativa comunitaria, nazionale e regionale richiamata nel Programma suddetto;
  • dalle disposizioni regionali di attuazione del Programma emanate prima e  dopo l’approvazione dei PSL;
  • dalla normativa specifica per ogni settore di intervento del PSL.

Le responsabilità, i compiti e gli obblighi dei GAL sono quelli definiti nel Programma di Sviluppo Rurale del Lazio 2007/2013 e nel bando emanato dalla Regione per l’attuazione dell’Asse IV nonché nei successivi atti e provvedimenti emessi in attuazione degli stessi.
Il GAL “Terre Pontine”, forte della positiva esperienza maturata e dei risultati conseguiti con l’attuazione dei programmi comunitari come il LEADER+, avvia la fase di attuazione nell’asse IV del Programma di Sviluppo Rurale del Lazio per il periodo 2007/2013. Il Piano di Sviluppo Locale “Terre Pontine” punta a sostenere un processo di sviluppo territoriale, attraverso il rafforzamento del tessuto agricolo e delle piccole e medie imprese. Poiché il cambiamento e l’adeguamento del contesto socio-economico è un processo complesso e difficile, uno dei Nostri compiti fondamentali consiste nel sensibilizzare il territorio, pubblicizzare e promuovere il nostro progetto ed i suoi contenuti.

Il Piano di Sviluppo Locale, approvato nell’ambito dell’Asse IV “Leader” del PSR Lazio 2007/2013, prevede una serie di azioni finalizzate alla diversificazione per l’azienda agricola, al sostegno della piccola impresa, all’incentivazione di attività di turismo rurale e alla valorizzazione delle risorse della natura, della cultura, della tipicità e della tradizione.
Sono previsti a tale scopo interventi strutturali e investimenti immateriali a sostegno delle imprese e degli enti locali, che riguarderanno l’agriturismo e il turismo rurale, il patrimonio culturale e naturale, i servizi sociali, sanitari e per il tempo libero, l’artigianato e il commercio.
Il GAL “Terre Pontine” si propone quindi di avviare un nuovo ciclo virtuoso, agendo come un “laboratorio avanzato” per lo sviluppo rurale capace di sostenere tutte le ambizioni di un territorio che ha già intrapreso un percorso di crescita basata sulla valorizzazione delle risorse locali.

UN’AGENZIA DI SVILUPPO AL SERVIZIO DEL TERRITORIO.
Il GAL “Terre Pontine” nasce nel 2002 grazie all’intuizione di un gruppo di soci che decidono di provare ad avviare un processo di sviluppo dell’area, partendo dalla consapevolezza del valore delle proprie risorse.
Oggi, dopo una lunga stagione di operatività e protagonismo nel territorio e nelle comunità locali, costellata di risultati positivi, il GAL “Terre Pontine” si propone come un’Agenzia di sviluppo al servizio del territorio, punto di riferimento per le imprese e le municipalità, per individuare un percorso di crescita condivisa, che, valorizzando le risorse locali, possa creare maggiore competitività, sviluppo sostenibile e nuova occupazione.

Questa mission rappresenta, senza dubbio, il completamento di un percorso di sviluppo, che capitalizza tutto il bagaglio di esperienza fin qui accumulato. Infatti, il contesto nel quale si colloca questa nuova programmazione dello sviluppo locale è caratterizzata dalle convinzioni, dall’approccio e dagli strumenti propri dell’impostazione LEADER+ e cioè un modello di sviluppo dal basso e partecipativo, fondato sull’idea che solo attraverso l’integrazione delle risorse locali e la cooperazione tra gli attori pubblici e privati si possa determinare una crescita economica e sociale condivisa e duratura dell’area.
Questo nuovo ciclo segna dunque una tappa fondamentale nel percorso di rinascita delle terre pontine, terra ricca e generosa, capace di riscoprire e reinventare la propria identità, per proiettarla verso una modernizzazione che ponga in equilibrio tradizione e innovazione.

 LA CULTURA SI FA IMPRESA.
Il Gruppo Azione Locale Terre Pontine è un’Associazione costituita senza fini di lucro.
Gli obiettivi che l’Associazione persegue sono quelli di favorire lo sviluppo locale dei territori rurali attraverso la presa di coscienza delle potenzialità endogene dello stesso, sulla base di:

  • un potenziamento dell’ambiente economico, al fine di contribuire a creare posti di lavoro;
  • un miglioramento della capacità organizzativa delle rispettive comunità;
  • una valorizzazione del patrimonio naturale e culturale.

L’obiettivo globale consiste nell’accrescere la competitività territoriale, quelli specifici sono:

  • aumento della competitività sociale;
  • aumento della competitività ambientale/culturale;
  • aumento della competitività economica;

 L’analisi costi e benefici applicata al comprensorio del GAL “Terre Pontine”, evidenzia in questo contesto il ruolo centrale delle produzioni agroalimentari ed artigianali tipiche e di qualità e del turismo. Tali produzioni sono inoltre compatibili con il patrimonio naturale, culturale e storico-architettonico, e favoriscono uno sviluppo armonico, fondato su fattori endogeni e sul radicamento delle risorse umane e materiali, con effetti locali sulla disoccupazione e sulla capacità d’innovazione.

LinkedInTwitterFacebookShare